Archivio

Archivio Novembre 2015

Pensieri suicidiari nella seconda infanzia

30 Novembre 2015 Nessun commento

depressa 02 Bisogna notare che i dati sono stati rilevati negli Stati Uniti e che, per essere significativo, lo studio deve essere replicato anche da noi. E’ interessante, tuttavia, apprendere che ci sono bambini piccoli, anche di 3 anni di età, che presentano un’ideazione oppure un comportamento suicidiario (IS) e che questo elemento rappresenta un forte predittore per un’ulteriore ideazione e comportamento suicidiario nella vita futura.

Prosegui la lettura…

Uso corretto degli antibiotici

26 Novembre 2015 Nessun commento

farmaci 01 Mi fa molto piacere segnalare che l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) ha rilanciato la campagna per un uso corretto, consapevole, degli antibiotici. Gli antibiotici sono una classe assolutamente importante di farmaci ed è grazie al loro utilizzo che riusciamo a debellare sia malattie forse banali come le tonsilliti che forme estremamente gravi come le meningiti, encefaliti e setticemie.

Prosegui la lettura…

Età ossea, scheletrica ed accrescimento

23 Novembre 2015 112 commenti

medico prescrive La valutazione dell’età scheletrica, altrimenti chiamata età ossea, è un’indagine radiologica che viene richiesta nell’ambito delle procedure volte a chiarire un’alterazione della crescita staturale. La maturazione ossea viene valutata praticando una radiografia del polso e della mano sinistra e lo stadio evolutivo di ogni singolo osso viene confrontato con appositi atlanti secondo metodi diversi (Tanner e Whitehouse, TW, 2 oppure 3, Greulich e Pyle).

Prosegui la lettura…

Vaccinare le gestanti…

19 Novembre 2015 Nessun commento

gravidanza 03 Ancora una riflessione sulle vaccinazioni, questa volta, indicate in occasione di una gravidanza (prima, durante, dopo).
La Food and Drug Administration (FDA, Stati Uniti) ha ammesso che studiare in maniera univoca il problema dell’immunizzazione passiva del neonato attraverso l’immunizzazione attiva della mamma non è praticabile ma è necessario occuparsi di ogni singola malattia isolatamente dalle altre.
I problemi da affrontare non sono di poco conto perché per ogni malattia oggetto di interesse in base all’incidenza ed alla pericolosità bisogna approfondire diversi aspetti.

Prosegui la lettura…

Vaccino anti HPV: causa di disturbi cronici?

16 Novembre 2015 Nessun commento

vaccino ragazza Ci sono forti evidenze che supportano l’utilità della vaccinazione anti HPV sia nelle femmine che nei (rari) maschi che vi si sottopongono. Ci sono, però, molte controversie sul rapporto tra la vaccinazione anti HPV e la comparsa di sintomatologia cronica.

Prosegui la lettura…

In Italia non succede ma…

12 Novembre 2015 Nessun commento

vaccinazione bambina negli Stati Uniti si: circa 1 Pediatra su 5 (per la precisione il 21%) rifiuta i pazienti che non hanno praticato le vaccinazioni. La notizia si ritrova in un’indagine riportata su Pediatrics, la rivista dell’American Academy of Pediatrics (AAP). Negli Stati Uniti molte persone ritengono di non dovere vaccinare i propri figli per le motivazioni più disparate (come, peraltro, anche in Italia) e si avvalgono di leggi, diverse tra gli Stati, per rifiutare la pratica vaccinale.

Prosegui la lettura…

Quanto tempo “al letto del malato”?

visita medica Una lettera estremamente interessante è stata pubblicata su JAMA Pediatrics, la testata pediatrica del network dell’American Medical Association.
Gli autori hanno condotto una ricerca sul tempo trascorso dai medici interni nelle varie attività caratteristiche di un reparto ospedaliero di pediatria.

Prosegui la lettura…

Maggiore attività fisica nei bambini asmatici

poster 05 Un’altra piccola informazione, ovviamente da verificare, dal congresso mondiale di CHEST (Montreal 24-28/10/2015).
Lo studio è stato effettuato sugli adulti ed ha necessità di conferme sia in popolazioni più estese che in età pediatrica ma i risultati sono interessanti. I ricercatori hanno valutato l’effetto di un programma di 12 settimane basato sull’esercizio fisico aerobico su diversi parametri tipici della malattia asmatica.

Prosegui la lettura…

Dieta ipolipidica per perdere peso?

verdura La dieta ipolipidica, con la limitazione delle calorie assunte con i grassi alimentari, sembra una proposta intelligente nella terapia dell’obesità. Un grammo di grasso fornisce, infatti, circa 9 calorie contro le circa 4 degli zuccheri e delle proteine.

Prosegui la lettura…