Archivio

Archivio Novembre 2014

Adenotonsillectomia, OSA e asma

28 Novembre 2014 Nessun commento

thorax Le OSA sono apnee ostruttive nel sonno, ovvero arresti di discreta durata della respirazione legati alla presenza di adenoidi ipertrofiche. Le adenoidi sono tessuto linfatico, parte del sistema immunitario, posto nel rinofaringe, profondamente dietro il naso. Poiché la respirazione naturale avviene attraverso il naso, la persona tenta di utilizzarlo anche se ostruito e russa e dorme male con risvegli frequenti durante la notte.

Prosegui la lettura…

Attività fisica e ADHD

25 Novembre 2014 Nessun commento

sport boy Una review della letteratura, un articolo che senza le velleità di una metanalisi (una modalità di aggregazione statistica di più lavori in un unico, grande, lavoro) indaga gli effetti dell’attività sportiva come terapia dell’ADHD, la Sindrome da deficit dell’attenzione con iperattività, attraverso la lettura di quanto è stato pubblicato. La terapia dell’ADHD è complessa e multifattoriale, facendo ricorso a farmaci, non privi di effetti collaterali, e terapie comportamentali di diverso orientamento.
L’ADHD è, comunque, una malattia invalidante che impedisce al bambino, ragazzo, adulto, di raggiungere gli obiettivi che potrebbe raggiungere se non fosse disturbato nella sua attività dai sintomi.

Prosegui la lettura…

Specialisti… non specializzati?!

20 Novembre 2014 Nessun commento

visita medica C’è una proposta di legge che viaggia tra Ministero della Salute e Ministero dell’Istruzione e riguarda tutti noi. Per risparmiare, è stato proposto di bandire concorsi per medici ospedalieri non specialisti con la retribuzione corrispondente a quella dei caposala, ovvero in una posizione non dirigenziale.
Che cosa significa tutto questo?

Prosegui la lettura…

Telefonino nell’infanzia: rischio di tumore cerebrale

17 Novembre 2014 1 commento

cellulare Le radiazioni elettromagnetiche sono sempre state oggetto di attenzione per il possibile ruolo causale nello sviluppo di tumore. L’utilizzo di telefonini da parte dei bambini, a causa del ridotto spessore della teca cranica ha interessato i ricercatori (e le ditte produttrici) con conclusioni spesso inconsistenti a favore o contro il nesso causale tra utilizzo del telefonino e tumore.
Parliamo, certamente, di studi di lunga durata con numerose variabili e fattori confondenti. I telefonini sono oggetti strani, fantascientifici e fantastici, ma abbiamo mai considerato i telefoni senza fili delle nostre case? Per essere privati del fastidioso cordone i telefoni domestici hanno dovuto acquisire le caratteristiche di una radio ricetrasmittente proprio come i telefoni cellulari.
Ed anche loro, come i telefonini, emettono radiazioni elettromagnetiche che sarebbero associate ad un maggiore rischio di sviluppare un glioma, il tumore cerebrale più frequente.

Prosegui la lettura…

Terapia per la tiroide difficile in gravidanza

13 Novembre 2014 Nessun commento

poster 01 Il metimazolo (M) ed il propiltiouracile (PTU) sono due sostanze utilizzate nella terapia del Morbo di Graves, una malattia della tiroide,  caratterizzata da ipertiroidismo, gozzo, esoftalmo, manifestazioni cutanee (eruzioni nodulari alle gambe, altre alterazioni cutanee), aumento del metabolismo basale, insonnia, tachicardia, ipertermia, agitazione. Le donne affette da Morbo di Graves in terapia con una delle due sostanze possono, comunque, andare incontro ad una gravidanza.

Prosegui la lettura…

Terapia comportamentale per la fame patologica

10 Novembre 2014 Nessun commento

poster 03 Per sentire meno la fame, per limitare il pensiero ossessivo verso il cibo, per contrastare l’obesità, bisogna distrarsi, pensare ad altro. Semplice, intuitivo, ma bisognava dimostrarlo. All’Obesity week 2014 sono stati presentati due lavori che dimostrano che semplici strategie di risposta (si chiama “coping”), strategie cognitive, possono aiutare a orientare il pensiero verso obiettivi diversi dal cibo.

Prosegui la lettura…

Comunicazione genitori-figli nel primo mese di vita

neonato 02 Bisogna parlare tanto ai bambini anche quando si pensa che siano troppo piccoli, che non ci capiscano, che sia, quindi, inutile rivolgersi a loro parlando normalmente. Uno studio pubblicato su Pediatrics ha valutato la quantità e le e modalità di comunicazione verbale tra i due genitori ed il neonato. L’età neonatale va da 0 a 28/30 giorni di vita (ci sono piccole differenze nella definizione legale di neonato).

Prosegui la lettura…

Ragazze sportive: carriere più significative

sport girl Le ragazze che praticano sport hanno una carriera lavorativa migliore; l’attività sportiva migliora, inoltre, la capacità di prendere decisioni rapidamente. L’attività sportiva non migliora il carattere ma fa emergere i tratti caratteriali tipici di ogni persona. Spesso sono solo i maschi a praticare attività sportiva perché le femmine, dopo la seconda-terza infanzia, al momento della pubertà-adolescenza, lo abbandonano.

Prosegui la lettura…