Archivio

Archivio Agosto 2014

Urban food initiative

label 02 Nelle confezioni dei prodotti alimentari commerciali si trova spesso la dicitura “da consumarsi preferibilmente entro…”. Questo significa che dopo la data indicata il prodotto è ancora commestibile, si può mangiare senza rischiare la salute, anche mesi dopo, sebbene possano essere presenti alcune piccole variazioni rispetto al momento del confezionamento.

Prosegui la lettura…

Vaccino antimeningococco: no ai bambini sani

vaccino 02 L’American Academy of Pediatrics, sottocomitato sulle malattie infettive, ha rilasciato recentemente alcune raccomandazioni relative alla vaccinazione antimenigococcica.
E’ un documento interessante perché esprime il parere di una società scientifica indipendente dal governo ed, in genere, molto conservativa.

Prosegui la lettura…

Lupini: una nuova fonte di allergeni

label 01 Il lupino è un legume della famiglia delle arachidi sempre più utilizzato in forma di farina nella produzione di cibi confezionati. E’ noto, già da tempo, che l’ingestione di lupini in persone sensibilizzate può causare l’insorgenza di una manifestazione allergica di gravità variabile fino a casi di anafilassi fatale.

Prosegui la lettura…

Criteri diversi per il ricovero e criteri diversi per la terapia

medico prescrive Gli Sati Uniti sono molto vasti ed estesi lungo 6 fusi orari. La cultura medica, però, dovrebbe essere abbastanza uniforme cosicché i motivi per ricoverare un bambino (indicazioni al ricovero) ed il tipo di terapia prescritta dovrebbero essere simili in tutti gli stati.
La realtà, però, è ben diversa.

Prosegui la lettura…

Influenza: più grave nei bambini affetti…

influenza 02 da malattie neurologiche o neuromuscolari.
Sotto il sole d’agosto parlare d’influenza appare abbastanza grottesco ma i risultati degli studi hanno tempi che non seguono il calendario; i tempi degli editori seguono, invece, regole diverse ed in questo periodo si comincia a parlare di vaccinazione per il prossimo inverno.
Pubblicare qualcosa sull’influenza è, quindi, appropriato almeno da un punto di vista editoriale.

Prosegui la lettura…

Obesità ed esposizione al bisfenolo A

label 01 Il bisfenolo A, anche chiamato BPA, è un composto della chimica organica fondamentale nella sintesi di plastiche e additivi plastici.
La sua produzione annua, di 2–3 milioni di tonnellate, ne fa una delle molecole principali nella produzione del policarbonato.

Prosegui la lettura…

La morte di un genitore: fattore di rischio

depressa 04 Nella natura delle cose è normale che un figlio sopravviva al genitore. La morte di un parente stretto rappresenta un fattore di rischio per aumentata mortalità a breve termine in tutti i gruppi studiati (coniugi, genitori, figli) ma non è noto quale possa essere l’effetto a lunga distanza di un evento umanamente così catastrofico.
Uno studio di coorte (un gruppo di persone seguito nel tempo) con un periodo di follow up abbastanza lungo è stato pubblicato recentemente su PLOS medicine.

Prosegui la lettura…

Obesità nelle ragazze: maggiore rischio di artrite reumatoide

bimba obesa L’obesità è già di suo una malattia con complicanze dirette legate al peso eccessivo e complicanze indirette legate all’alterazione indotta sul metabolismo.
In passato era già stato notato un rischio maggiore, anche se la differenza non era significativa, delle donne obese di sviluppare l’artrite reumatoide, una malattia cronica degenerativa delle articolazioni (ma non solo) ma il lavoro pubblicato recentemente sugli Annals of the Rheumatic Diseases riporta un rischio più elevato, e stavolta statisticamente significativo, per le donne che hanno sviluppato l’obesità nel corso della tarda adolescenza (18 anni).
Attualmente l’obesità è interpretata come una malattia infiammatoria ed, in questo modo, viene legata a malattie infiammatorie degenerative  come, appunto, l’artrite reumatoide.

Prosegui la lettura…