Archivio

Archivio Luglio 2013

Specializzandi dentro il SSN?!!!

lattante spaventato Allarme tra gli specializzandi di tutte le specialità. Il Disegno di Legge presentato dal  Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, attualmente in discussione al Consiglio dei Ministri per l’esame preliminare prevede, all’articolo 7, che gli specializzandi degli ultimi due anni siano inseriti nell’attività lavorativa del reparto per “agevolare l’accesso dei giovani medici alla Professione Medica”. Già attualmente gli specializzandi partecipano attivamente alla vita del reparto e sono investiti da responsabilità progressivamente maggiori in funzione della loro carriera studentesca e culturale ma non perdono mai la loro dipendenza e tutela del tutor (sono, comunque, specialisti in formazione) per tutto il percorso di formazione garantito dalla scuola di specializzazione.

Prosegui la lettura…

Papà “aged”: figli più alti ma a rischio

papà biberon L’età elevata del papà al momento del concepimento favorisce la maggiore statura dei figli che sono anche più magri con un maggiore rischio, però, di alterazioni del metabolismo lipidico, in particolare del colesterolo.
I figli nati da papà di età superiore a 30 anni sarebbero più alti di 2 cm rispetto a quelli con papà di età inferiore.

Prosegui la lettura…

Musica al pronto soccorso!

headphone La musica, quella più adatta, ovviamente, non l’hard rock, può aiutare a ridurre la sofferenza dei bambini sottoposti a procedure dolorose come i prelievi ematici. In un piccolo studio (42 bambini di età compresa tra 3 ed 11 anni) pubblicato su JAMA Pediatrics la musica è stata utilizzata in un pronto soccorso per ridurre il dolore e la sofferenza dei bambini sottoposti a procedure invasive (il posizionamento di un accesso venoso – “la flebo”).

Prosegui la lettura…

Facebook e segnalazioni mediche

risposte Un utilizzo intelligente di Facebook a scopi medici è stato segnalato recentemente dal Clinical Infectious Disease. In estrema sintesi un genitore ha notato, sulla pagina Facebook della squadra, una serie di casi di faringite verificatisi pochi giorni dopo un banchetto per festeggiare una scuola femminile di danza dove erano intervenute 63 persone e lo ha comunicato alle autorità sanitarie dello Stato del Minnesota, dove risiedeva.

Prosegui la lettura…

Antibiotici ed eczema

lattante preoccupato Sembra proprio che tra l’impiego di antibiotici nel primo anno di vita ed eczema, una malattia della pelle molto pruriginosa, ci sia davvero un rapporto. Un articolo pubblicato recentemente sul British Journal of Dermatology richiama l’attenzione sulla somministrazione di antibiotici durante primo anno di vita mettendola in relazione con l’insorgenza dell’eczema. Questo articolo è una metanalisi (un raggruppamento a fini statistici di diversi studi pubblicati) di 20 studi diversi che hanno indagato il rapporto tra assunzione di antibiotici prima della nascita e nel primo anno di vita e la comparsa successiva di eczema.

Prosegui la lettura…

Andare a dormire all’ora giusta!

15 Luglio 2013 1 commento

addormentata Andare a dormire con regolarità, sempre alla stessa, ora può aiutare a migliorare lo sviluppo cognitivo dei bambini piccoli, soprattutto in alcune aree.
Le bambine di 7 anni di età che vanno a dormire ad orari irregolari presentano punteggi inferiori nella valutazione delle competenze, dello sviluppo, relative alla lettura, alla capacità di calcolo, alle abilità spaziali (coordinazione nei movimenti).
A questa età le capacità dei maschi non sono influenzate dall’orario del sonno notturno.

Prosegui la lettura…

Funambolismi statistici

vaccino 02 per dimostrare che riducendo di una somministrazione il calendario vaccinale per il Pneumococco 13 valente (PCV) si osserva un bel risparmio economico ma c’è un aumento dei casi di malattia rispetto alla normale procedura vaccinale. In realtà si dovrebbe utilizzare il condizionale perché l’articolo pubblicato su Pediatrics parla di vaccinazione 13 valente (quella che si pratica anche in Italia) ma il ragionamento è basato su un modello probabilistico che prende in considerazione il vaccino 7 valente (quello precedente all’attuale).

Prosegui la lettura…

Giochi elettronici per l’attività fisica

videogiochi 02 Per favorire il movimento, l’attività fisica, del bambino i giochi elettronici dovrebbero essere “attivi” o non esserci per niente. I giochi attivi, movimentati, sono quelli che prevedono movimento della persona (anche se “collegata” alla TV), ballo o sport, con l’ausilio di periferiche che rilevano la posizione del soggetto ed il suo movimento.

Prosegui la lettura…

Estate ed allergie

crema solare In questi giorni di caldo stiamo visitando molti bambini che presentano “reazioni allergiche” ovvero sono arrossati e si grattano. In realtà non si tratta di reazioni allergiche – chissà perché paga tutto l’allergia – ma di affezioni cutanee molto più banali, di quasi nessun interesse clinico, che richiedono, semplicemente, una terapia sintomatica contro il prurito.
Una causa di prurito con eruzione cutanea molto diffusa è l’arrossamento cutaneo prodotto dall’irraggiamento solare. Si tratta di una forma di ustione molto leggera che causa sintomi lievi, il prurito appunto.

Prosegui la lettura…

I bambini non regolari devono avere cure diverse

bambini Da LiberoQuotidiano.it: “Sanita’: Consiglio Lombardia, no pediatra base per bimbi irregolari”
Da MilanoToday.it: “Pediatra agli stranieri irregolari, Majorino: “Disumano non darlo”".

Prosegui la lettura…

Attenzione al caldo!

bevande Allarme caldo negli Stati Uniti ma è meglio essere preparati anche da noi. Facendo riferimento ad un’indagine sulle attività sportive effettuate durante periodi caldi pubblicata nel 2011, le autorità sanitarie statunitensi richiamano l’attenzione sulla prevenzione dei danni da calore. Anche il Ministero della Salute ha rivisto recentemente i suggerimenti per gestire al meglio le temperature elevate.

Prosegui la lettura…

ATV (quad): meno incidenti per i bambini

atv almeno quelli americani.
Secondo quanto pubblicato recentemente da Pediatrics, la rivista organo ufficiale dell’American Academy of Pediatrics, gli incidenti relativi agli ATV che hanno visto coinvolti minori di anni 15 con la necessità di intervento di pronto soccorso sono diminuiti rispetto a quanto riscontrato nel 2004.

Prosegui la lettura…

Allergia alimentare: troppo diffusa!

1 Luglio 2013 1 commento

bambina latte L’allergia alimentare continua ad essere troppo diffusa per essere vera. Molti sintomi che non hanno niente a che vedere con l’allergia continuano ad essere attribuiti ad un brutto rapporto immunologico con gli alimenti. Nelle malattie allergiche il nostro sistema immunitario individua nei cibi nemici da combattere con la produzione di anticorpi della classe E, IgE, oppure di cellule attive.

Prosegui la lettura…