Archivio

Archivio Maggio 2013

Sonno: genetica ed ambiente

addormentato La qualità del sonno è influenzata dalla genetica per quanto riguarda il riposo notturno mentre i fattori ambientali sono molto più significativi quando si prende in considerazione la qualità del riposo diurno.
Un articolo pubblicato sul numero di giugno di Pediatrics segnala che i bambini fino a due anni di età (i risultati dello studio, quindi, non si possono applicare oltre questa età) hanno un pattern del sonno notturno prevalentemente di tipo famigliare mentre durante il giorno sono più importanti la stanza buia e silenziosa ed uno spazio adeguato nel letto.

Prosegui la lettura…

Magneti al neodimio? Un nuovo rischio!

safe child Un nuovo pericolo per i bambini è rappresentato dai giochini passatempo magnetici per adulti costituiti da una serie di sfere magnetiche al neodimio. Il neodimio è una materiale paramagnetico che viene normalmente utilizzato nella produzione degli schermi protettivi per saldatori. Per l’elevato flusso magnetico viene utilizzato anche per produrre altoparlanti e cuffie per alta fedeltà garantendo un suono limpido e di elevata qualità sonora; sono noti gli altoparlanti per alte frequenze (tweeter) al neodimio.

Prosegui la lettura…

Telefonino-dipendenza

poster 03 Gli adolescenti che hanno una forma di dipendenza dall’uso del telefonino, ovvero che lo hanno sempre in mano per telefonare, messaggiare, smanettare… possono presentare altre forme di malattia psichiatrica. E’ quanto viene segnalato in un lavoro presentato al 166° Congresso dell’American Psychiatric Association (San Franciso, 18-22 maggio 2013).

Prosegui la lettura…

Condividere il letto? Rischio SIDS!

safe child I genitori che accolgono il neonato/lattante nel lettone lo mettono a serio rischio di morte improvvisa (la Sudden Infant Death Syndrome, SIDS) anche qualora non siano fumatori. E’ il risultato di un ampio studio epidemiologico che ha verificato questa particolare situazione. Il rischio di un bambino di meno di 3 mesi, figlio di non fumatori, che venga allattato al seno  e non abbia ulteriori fattori di rischio per SIDS è di 5.1 volte maggiore se dorme nel letto dei genitori.

Prosegui la lettura…

La “bibbia” della psichiatria

sapiente E’ stata pubblicata recentemente la versione aggiornata del “Diagnostic and Statistical Manual of Mental Disorders” il manuale conosciuto da tutti i neuropsichiatri del mondo.
Questa pubblicazione, chiamata anche DSM-5, non è disponibile gratuitamente perché per l’American Psychiatric Association (APA) rappresenta una fonte di reddito.

Prosegui la lettura…

Linee guida “dinamiche”

medico prescrive Le linee guida, indicazioni su come operare, cosa fare e non fare, nella diagnosi o nella terapia di una determinata malattia, sono spesso ritenute un ostacolo al lavoro dei medici ed una mannaia nei confronti dei pazienti che si possono vedere esclusi da determinate terapie o procedure diagnostiche solo perché il loro caso non rientra perfettamente in una certa definizione.

Prosegui la lettura…

Segnali di rischio

ricercatore Ci sono dei segnali di rischio per il comportamento antisociale. Stiamo molto attenti perché ci muoviamo su un terreno accidentato, pericoloso, e ci possono essere conclusioni personali non accettabili.
Parliamo di segnali di rischio non di marker biologico, predestinazione genetica, ad un determinato comportamento. I segnali servono proprio per migliorare l’attenzione e prendere i provvedimenti più adeguati non per comunicarci una sentenza.

Prosegui la lettura…

Ragazzi e farmaci

poster 03 Secondo una comunicazione presentata al 32° congresso dell’American Pain Society, New Orleans 8-11 maggio 2013, circa un ragazzo ogni 10 avrebbe abusato almeno una volta dell’assunzione di farmaci e, cosa più significativa, questi ragazzi sono ad elevato rischio per comportamenti pericolosi.

Prosegui la lettura…

Sordità ed Internet

ragazza con computer Il mondo medico si interroga continuamente sulle possibilità di impiego di Internet con finalità diagnostiche o terapeutiche. Spesso Internet viene utilizzato per trovare risorse e suggerimenti utili alla risoluzione di un problema personale ed il suo utilizzo è inversamente proporzionale all’età delle persone. La riduzione della capacità uditiva dipende anche dall’età ed, apparentemente, l’impiego di Internet si riduce proprio all’aumentare dell’età.

Prosegui la lettura…

Mamma, ciuccia il ciuccio!

8 Maggio 2013 1 commento

lattante Tutti abbiamo visto i genitori ciucciare il ciuccio del bambino per pulirlo prima di riproporlo al piccolino dopo averlo raccolto dal pavimento.
Ebbene, questa “insana” abitudine sembra che rappresenti, invece, una sana proposta per ridurre le allergie.
Il lavoro è pubblicato su Pediatrics, la rivista dell’American Academy of Pediatrics.

Prosegui la lettura…

Nati pretermine: terapie aggressive!

neonato 02 Un lavoro pubblicato recentemente sul Journal of the American Medical Association ha confermato che la terapia condotta aggressivamente sui neonati pretermine di alto grado, quelli che hanno iniziato il viaggio nella vita extrauterina ben prima delle 40 settimane di gestazione, migliora la prognosi quoad vitam ma è associata ad una prognosi quoad valetudinem non buona.
La ricerca è stata svolta in Svezia prendendo in considerazione 707 neonati di età inferiore alle 27 settimane nati nel periodo 2004-2007 confrontandoli con un adeguato numero di nati a termine.

Prosegui la lettura…

Ancora morbillo (con 1 morto)!

3 Maggio 2013 4 commenti

vaccino 02 Il morbillo c’è ancora! Nella civilissima Europa, per la precisione nel Galles (Regno Unito), è in corso un’epidemia di morbillo (con 1 morto), verosimilmente secondaria al decremento di vaccinazioni contro questo temibile virus.
La storia è quella, ormai nota, della paura, ingiustificata, di una relazione tra vaccino contro il morbillo ed autismo che anni fa era stata resa nota sulle pagine del Lancet.

Prosegui la lettura…