Archivio

Archivio Marzo 2012

Scolarità precoce e ADHD

medico prescrive I bambini che frequentano precocemente la scuola  possono essere a maggiore rischio di diagnosi (e quindi di entrare in un protocollo terapeutico) di ADHD (Sindrome da deficit dell’attenzione con iperattività) rispetto ai loro compagni di classe più vecchi. L’articolo è pubblicato nel Canadian Medical Association Journal e riporta i risultati di un’indagine svolta in Canada.

Prosegui la lettura…

Inquinamento e comportamento

bullo La qualità dell’aria respirata dalla madre durante la gravidanza può avere effetti negativi sul comportamento del bambino fino ai primi anni del percorso scolastico. Lo studio ha coinvolto 617 coppie madre/bambino residenti in diversi quartieri di New York nelle quali è stato dosato il benzopirene nel sangue materno o cordonale e sono stati valutati ansia, depressione e disturbi dell’attenzione nei bambini all’età di 6-7 anni.

Prosegui la lettura…

Attività fisica in città

jogging E’ la trovata del secolo! Al recente convegno dell’American Heart Association EPI/NPAM, San Diego (California) 13-16 marzo 2012, un gruppo di ricercatori di Chattanooga, Tennessee, ha segnalato che la presenza di spazi adeguatamente attrezzati favorirebe l’attività fisica dei bambini e ragazzi all’interno delle città.

Prosegui la lettura…

Olio di pesce e cuore

tavola imbandita L’integrazione della dieta con olio di pesce potrebbe comportare una riduzione del rischio per malattie cardiovascolari tipiche dei bambini nati di basso peso. Nel numero di marzo di Pediatrics, l’ormai nota rivista organo ufficiale dell’American Academy of Pediatrics, è pubblicata una ricerca che ha indagato gli effetti di una supplementazione della dieta con olio di pesce, ricco di omega-3, nei bambini con peso alla nascita inferiore alla media.

Prosegui la lettura…

Fratture e vitamina D

sport girl Le ragazze che svolgono attività fisica intensa hanno un fabbisogno più elevato di vitamina D rispetto alle coetanee meno attive. Il maggior apporto di vitamina D riduce alla metà il rischio di fratture da stress soprattutto nelle ragazze con più di un’ora di attività intensa al giorno.
L’apporto di calcio nei cibi assunti quotidianamente non sembra influenzare il rischio di fratture da stress.

Prosegui la lettura…

Morte improvvisa: studiamo le famiglie!

16 Marzo 2012 1 commento

medico 04 La morte improvvisa del lattante (SIDS) può essere attribuita all’insorgenza di aritmie cardiache come già segnalato in passato. La famigliarità per alcune malattie cardiache come, ad esempio, la sindrome del QT lungo tipo 1 espone ad un rischio particolarmente elevato per morte improvvisa fino all’età di 10 anni.

Prosegui la lettura…

Piano nazionale vaccinazioni 2012-2014

14 Marzo 2012 1 commento

vaccino 01 Qualche settimana fa è stato approvato dalla Conferenza Stato-Regioni il Piano Nazionale per la Prevenzione Vaccinale (PNPV) 2012-2014. Il documento, piuttosto articolato, ricorda, nella parte introduttiva, le diverse responsabilità dello Stato, delle Regioni, degli operatori sanitari nella promozione e gestione dell’offerta vaccinale, e dei singoli cittadini nella comprensione dell’utilità della medicina preventiva attuata attraverso le vaccinazioni.

Prosegui la lettura…

Prevenzione dell’allergia: mangiare!

poster 05 La prevenzione dell’allergia alimentare passa attraverso una dieta materna in gravidanza e durante l’allattamento assolutamente nella norma, come prima della gravidanza. Al meeting annuale dell’American Academy of Allergy, Asthma, and Immunology (Orlando, Florida, 2-6 marzo 2012) sono stati ben due i lavori che hanno riportato un fallimento della dieta di esclusione materna nella prevenzione dell’allergia alimentare.

Prosegui la lettura…

Allergia alimentare e bullismo

bullo I bambini affetti da allergia alimentare possono essere oggetto di molestie da parte dei loro coetanei in un consistente numero di casi, circa un bambino su tre, almeno negli Stati Uniti. La notizia, abbastanza sconcertante considerando che si tratta di una nazione sempre attenta alla condizione degli allergici alimentari, ci arriva dal meeting annuale dell’American Academy of Allergy, Asthma, and Immunology (Orlando, Florida, 2-6 marzo 2012).

Prosegui la lettura…

Attività fisica per l’asma

poster 03 La qualità di vita dei pazienti affetti da asma bronchiale può mostrare un significativo miglioramento con un programma di attività fisica strutturato ad hoc. Lo studio ha interessato pazienti adulti ed è stato presentato al meeting annuale dell’American Academy of Allergy, Asthma, and Immunology (Orlando, Florida, 2-6 marzo 2012).

Prosegui la lettura…

Vaccino pentavalente e convulsioni

vaccino 01 La vaccinazione pentavalente, che comprende Poliomielite, Difterite, Tetano, Pertosse, Haemophilus i. tipo B, praticata diffusamente negli Stati Uniti ed in molte nazioni nordeuropee (in Italia si utilizza l’esavalente che comprende anche l’Epatite B) comporta un rischio di convulsioni con febbre piuttosto elevato dopo la prima (3 mesi) o la seconda (5 mesi) somministrazione; la terza somministrazione (11 mesi) non è stata correlata con la comparsa di convulsioni.

Prosegui la lettura…

Bevande gassate e polmoni

bevande Le bevande gassate continuano a mietere vittime: dopo la dimostrazione che aumentano il rischio di obesità e di malattie cardiache, adesso è la volta dei polmoni. Un gruppo di ricerca australiano ha pubblicato recentemente su Respirology una ricerca svolta su 16907 adulti di età maggiore di 16 anni effettuata tramite interviste telefoniche.

Prosegui la lettura…

Vaccino HPV: nuove indicazioni

vaccino 01 L’American Academy of Pediatrics ha rilasciato nuove indicazioni per la vaccinazione anti papillomavirus (HPV). La novità più rilevante, contenuta nel numero online di Pediatrics del 27 febbraio 2012, è la raccomandazione d’impiego nei maschi adolescenti al pari delle femmine. L’indicazione di utilizzo per queste ultime risale al 2006 come strumento per la limitazione (prevenzione) del tumore della cervice uterina.

Prosegui la lettura…