Archivio

Archivio Marzo 2011

Coliche gassose e rimedi inutili

syrup Le cosiddette coliche gassose, quei dolori che disturbano i bambini per 3 ore al giorno, 3 giorni alla settimana, per 3 settimane per i primi 3 mesi di vita, apparentemente non hanno rimedio. Sono situazioni abbastanza fastidiose per i bambini e per i loro genitori che spesso si recano al Pronto Soccorso Pediatrico in tarda serata (le coliche sono sempre serali!) preoccupati per il pianto apparentemente inconsolabile dei loro bambini. Le risposte fornite dal Pediatra sono molteplici spesso con ricorso alla fitoterapia.

Prosegui la lettura…

Allergia alimentare e vaccinazioni

batterio verde 02 L’allergia alimentare all’uovo è sempre stata presa a pretesto per non praticare la vaccinazione antimorbillo-rosolia-parotite nei pazienti allergici all’uovo a causa della coltivazione in cellule uovo dei virus utilizzati nel vaccino. La stessa osservazione è stata mossa, in tempi recenti, per la vaccinazione antinfluenzale, non sufficientemente sperimentata in persone allergiche all’uovo e quindi con un profilo di sicurezza non ben definito.

Prosegui la lettura…

Tubercolosi sempre presente

batteri viola Oggi, 24 marzo, è la giornata mondiale della Tubercolosi. La Tubercolosi (TBC) è, purtroppo, una malattia ancora presente nella popolazione a causa della povertà di molte nazioni e della scarsa attenzione rivoltale negli ultimi anni. In Italia ci sarebbero circa 4000 nuovi casi all’anno di cui circa il 5% rappresentati da bambini tra 0 e 14 anni; i nuovi casi di bambini di età compresa tra 0 e 5 anni sarebbero il 2.4%. Prosegui la lettura…

Bambini a rischio nucleare

lattante spaventato Sono i bambini ad essere maggiormente esposti al rischio rappresentato dalle radiazioni, più degli adulti e degli anziani. Il rischio di ammalarsi di tumore dipende dalla dose e dal tempo di esposizione ed i bambini, con una prospettiva di vita maggiore, sono appunto i bersagli maggiormente a rischio. Questo argomento è purtroppo di estrema attualità ma il pensiero corre a 25 anni fa quando si realizzò il disastro di Cernobyl (Ucraina settentrionale).

Prosegui la lettura…

Sapori ed eroi dei cartoon

19 Marzo 2011 2 commenti

obeso 02 I personaggi dei cartoni animati raffigurati sulle confezioni migliorano la percezione della bontà dei cereali per la colazione. Lo studio è stato svolto a Philadelphia, Pennsylvania, Stati Uniti, su un campione di 80 bambini di età compresa tra 4 e 6 anni. I cereali erano gli stessi ma quelli contenuti nella scatola raffigurante gli eroi dei cartoni animati erano percepiti come più gustosi di quelli contenuti nelle scatole “anonime”.

Prosegui la lettura…

Cefalea infantile: disturbo neuropsichiatrico?

medico prescrive L’emicrania in età infantile o adolescenziale, oltre ad essere una patologia invalidante, è anche una patologia poco conosciuta nei suoi meccanismi patogenetici.
Secondo una ricerca italiana ci sarebbero i presupposti per classificarla tra le malattie neuropsichiatriche.

Prosegui la lettura…

Domperidone per il vomito

sciroppo Ricerca italiana sulla terapia di contrasto al vomito nelle gastroenteriti. Il vomito, spesso presente nella gastroenterite, rappresenta un ostacolo alla reidratazione orale, alla somministrazione per bocca di liquidi idonei a mantenere la quantità d’acqua del nostro organismo nei limiti richiesti. E’ il motivo per cui molti bambini con vomito e diarrea vengono ricoverati solamente per praticare una flebo (acqua+zucchero+sali) mentre la riduzione del vomito con l’impiego di farmaci potrebbe favorire la reidratazione attraverso l’assunzione orale di bevande/soluzioni adeguatamente ricche di zuccheri e sali.

Prosegui la lettura…

Sangue cordonale: una risorsa

mondo persone La donazione del sangue dal cordone ombelicale, ricco di cellule staminali, approda al Parlamento Europeo martedì 15 marzo 2011 grazie ad una iniziativa italo-francese. Il fatto è particolarmente significativo perché sia in Italia che in Francia non è consentita la detenzione di sangue in “banche” private. L’iniziativa è orientata a promuovere l’utilizzo del sangue cordonale secondo i principi della gratuità e della solidarietà come per ogni altra donazione.

Prosegui la lettura…

Video-collegamenti con i figli

computer Usare i sistemi di video-comunicazione può essere utile per mantenere una buona relazione genitoriale con i propri figli. Le comunicazioni audio/video (video-conferenza, NetMeeting©, iChat©, Yahoo! Messenger©) sono utilizzate largamente in tutto il mondo per favorire l’interazione tra le persone soprattutto nell’ambito lavorativo ma anche nella vita privata, come recentemente enfatizzato nello spot pubblicitario di un noto operatore di telefonia.

Prosegui la lettura…

Mamme adolescenti in pericolo

depressa 01 Le mamme adolescenti, le ragazze che concepiscono un bambino, sono persone a rischio per loro e per i loro figli: sono, in breve, due bambini a rischio.
La gravidanza e successiva maternità di minori non è un fenomeno raro, considerando che in un grande ospedale milanese come il San Paolo dal 2009 hanno partorito 181 donne con meno di 21 anni (4.6% del totale) di cui 35 con meno di 18 anni. In Italia i casi di madri adolescenti rappresentano quasi il 2% delle gravidanze ma costituiscono un enorme problema perchè nella maggior parte dei casi non si tratta di una difficoltà isolata.

Prosegui la lettura…

Paracetamolo: solo quando serve!

poison Il paracetamolo (diversi nomi commerciali) somministrato con dosaggi elevati provoca lesioni al fegato, lo si sapeva, e recentemente sono stati segnalati casi di tossicità anche a posologie (dosaggi) considerate normali. Nell’ultimo numero di Pediatrics, organo ufficiale dell’American Academy of Pediatrics, viene segnalato il caso di un bambino colpito da epatite fulminante, per fortuna sopravissuto, dopo avere utilizzato paracetamolo per 10 giorni per controllare la febbre. E’ un caso italiano, di Torino: un bambino di 11 mesi che aveva assunto una quantità di 72 mg di paracetamolo per ogni chilogrammo di peso corporeo al giorno per 10 giorni per controllare una febbre secondaria ad un’infezione delle alte vie aeree.

Prosegui la lettura…

Antibiotici ed asma!

lattante preoccupato La somministrazione di antibiotici in età infantile potrebbe favorire veramente lo sviluppo di asma in età più avanzata. Lo studio è stato svolto nel Connecticut, Stati Uniti, su 1401 bambini ed  è pubblicato sull’American Journal of Epidemiology. L’associazione tra l’impiego di antibiotici e lo sviluppo di asma era già nota ma la novità consiste nell’analisi attuata dal gruppo di ricerca per discriminare l’influenza degli antibiotici somministrati nel corso di malattie “normali” da quelli somministrati nel corso di malattie che potrebbero rappresentare sintomi precoci di asma.

Prosegui la lettura…