Archivio

Archivio Febbraio 2011

Latte prevenzione del cancro?

27 Febbraio 2011 Nessun commento

sapiente L’assunzione di tanto latte in età pediatrica potrebbe ridurre l’incidenza del cancro al colon-retto in età adulta (anni 30-69). Lo studio è stato svolto in Nuova Zelanda correlando l’assunzione di circa 300 ml di latte al giorno, offerti nell’ambito di un programma scolastico, con l’incidenza del tumore della parte terminale del tubo digerente. I risultati dimostrano una riduzione del rischio per incidenza del tumore del 2.1% ogni 100 unità da 280 ml di latte somministrate.

Prosegui la lettura…

Falsi allergici: allarme

24 Febbraio 2011 Nessun commento

tavola imbandita I falsi allergici sono diventati tanti, troppi: è una vera epidemia, soprattutto per quanto riguarda l’allergia o l’intolleranza alimentare.

La colpa, stavolta, non è dei pazienti ma di coloro che propongono test oppure procedimenti diagnostici o terapeutici privi di valore scientifico e, naturalmente, di elevato costo economico.

Prosegui la lettura…

Informazioni nutrizionali?

22 Febbraio 2011 Nessun commento

fast food 01 La conoscenza delle calorie dei singoli cibi non sembra influenzare le scelte dei bambini e degli adolescenti quando mangiano nei fast-food. La città di New York ha imposto l’indicazione delle calorie nei piatti serviti nelle catene di ristorazione nel 2008 ma, nonostante la presenza delle indicazioni nutrizionali, non ci sono state variazioni nelle scelte delle pietanze a favore di quelle più “leggere”.

Prosegui la lettura…

Gas esilarante in sala parto

20 Febbraio 2011 1 commento

gravidanza 01 Sembra un ritorno al passato ma è proprio così: il gas esilarante, il protossido d’azoto, potrebbe tornare in sala parto, almeno negli Stati Uniti. E’ una proposta di ostetrici e ginecologi per aggirare il problema delle partorienti che rifiutano l’anestesia epidurale.

Il protossido d’azoto, il gas che fa ridere e durante il suo effetto cambia la voce (sembriamo tutti Paperino), è regolarmente utilizzato dai dentisti americani, ed anche da molti italiani, per i pazienti più ansiosi poichè realizza una sedazione cosciente facilmente controllabile.

Prosegui la lettura…

Pronto soccorso: rischio infezioni?

18 Febbraio 2011 3 commenti

batteri viola L’attesa al Pronto Soccorso Pediatrico non aumenta il rischio di ammalarsi ovvero quando ci si reca al Pronto Soccorso Pediatrico per un problema qualsiasi non si aumenta il rischio di contrarre malattie infettive da altri bambini presenti in sala d’attesa. Sono queste le conclusioni di una ricerca condotta da un gruppo canadese pubblicata recentemente su BioMedCentral Pediatrics, rivista online.

Prosegui la lettura…

Energy drink: rischio!

16 Febbraio 2011 Nessun commento

studioso Le bevande note con la definizione di energy drink possono contenere una serie di ingredienti mal definiti e possono rappresentare un rischio per i bambini, gli adolescenti ed i giovani adulti. La segnalazione arriva da un lavoro pubblicato su Pediatrics, organo autorevole dell’American Academy of Pediatrics. La ricerca ha evidenziato che circa la metà dei 5448 casi di overdose da caffeina segnalati nel 2007 si sono verificati in persone con meno di 19 anni.

Prosegui la lettura…

Fascicolo Sanitario Elettronico

14 Febbraio 2011 Nessun commento

medico prescrive Passo avanti nella definizione del Fascicolo Sanitario Elettronico (FSE), la cartella clinica di ognuno di noi accessibile in ogni momento da ogni parte d’Italia dai soggetti abilitati (personale sanitario).
La Conferenza Stato Regioni ha approvato le Linee Guida nazionali per il progetto del FSE.

Prosegui la lettura…

Dieta ed intelligenza

11 Febbraio 2011 Nessun commento

bambino felice Parliamo ancora dei rapporti tra alimentazione ed intelligenza.
Una dieta qualitativamente “povera” con abbondanza di cibi raffinati, grassi e zuccheri, sarebbe responsabile della riduzione del Quoziente Intellettivo nella tarda infanzia mentre una dieta sana sarebbe, viceversa, utile nel favorire un modesto incremento del Q.I. Lo studio è stato svolto da un gruppo di Bristol, Gran Bretagna, che ha indagato l’alimentazione e l’intelligenza di un campione di 3966 bambini.

Prosegui la lettura…

Obesità: terapia efficace a lungo

obeso 01 I programmi terapeutici intensivi basati anche sul rinforzo famigliare proposti per l’obesità infantile hanno effetti duraturi, superiori all’anno; gli stessi effetti di lunga durata sono stati rilevati su alcuni parametri del metabolismo lipidico. I ricercatori hanno osservato che, rispetto ad un programma basato solo su incontri periodici, la terapia “intensiva” basata sull’incremento dell’attività fisica, sulle variazioni del comportamento e sull’aiuto famigliare mostra evidenti  effetti a 12 mesi e, sebbene inferiori, anche a 24 mesi dal termine della fase iniziale.

Prosegui la lettura…

Adenoidectomia e obesità

obeso 02 L’asportazione delle adenoidi favorisce l’incremento ponderale. In un articolo pubblicato recentemente su Otolaryngology – Head and Neck Surgery viene richiamata l’attenzione sull’incremento ponderale successivo all’intervento di adenoidectomia. La cosa era ben conosciuta da tutti i genitori ed attribuita alla possibilità di percepire meglio gli odori dei cibi dopo l’intervento con miglioramento dell’appetito.

Prosegui la lettura…

Influenza e farmaci generici

3 Febbraio 2011 1 commento

sciroppo Secondo la Federazione Italiana Medici Pediatri l’influenza ha raggiunto il picco dei contagi a fine gennaio con 6 bambini a letto ogni 10. Secondo quanto riportato dalla newsletter Dire Minori la vaccinazione antinfluenzale, “complice l’allarme dell’anno scorso”, sarebbe in calo. Sempre nel medesimo periodico viene riportato che “i  pediatri ricordano che nella cura di questa malattia un’arma spesso sottovalutata ma molto utile alle famiglie è costituita dai farmaci equivalenti (o generici).”

Prosegui la lettura…

Paracetamolo: tossicità epatica

poison Il paracetamolo (diversi nomi commerciali) somministrato con dosaggi elevati provoca lesioni al fegato ma recentemente sono stati segnalati casi di tossicità anche a posologie (dosaggi) considerate normali, inferiori a 75 mg/kg/die, come quelle suggerite dalla Società Italiana di Pediatria nelle linee guida per la febbre (“paracetamolo (per via orale): 10-15/mg/kg/dose (massimo 1 g/dose) per 4 o 6 somministrazioni/die (ogni 4-6 ore); dosaggio terapeutico massimo 60 mg/kg/die nel bambino fino a 3 mesi, 80 mg/kg/die nel bambino sopra i 3 mesi di età (massimo 3 g/die)”).

Prosegui la lettura…