Archivio

Archivio Giugno 2010

Influenza pandemica: irregolarità?

29 Giugno 2010 2 commenti

giudice L’influenza pandemica, l’influenza A (H1N1), dopo avere imperversato con particelle virali di scarsa pericolosità continua a fare parlare di se con argomenti legali ed economici. L’Assemblea del Consiglio d’Europa ha approvato il rapporto finale sulla gestione della pandemia influenzale H1N1. Il parlamentare britannico Paul Flynn avrebbe osservato che ”Non c’e’ stata alcuna correlazione tra quanto e’ stato speso dai governi per far fronte alla pandemia H1N1 e i risultati ottenuti”.

Prosegui la lettura…

Influenza vecchia e nuova

28 Giugno 2010 1 commento

batterio verde 02 Aggiornamenti sulla influenza pandemica 2009/2010 e stagionale 2010/2011 (quella del prossimo inverno, per intenderci). L’influenza continua a fare parlare di se, nel bene e nel male, ed entrambe le notizie provengono dagli Stati Uniti, dall’Advisory Committee on Immunization Practices di Atlanta, l’ente statale di controllo sulle vaccinazioni: la prima ci rassicura – se ne sentiva un gran bisogno – sull’efficacia e la sicurezza, innocuità, della vaccinazione monovalente contro il virus H1N1, quello dell’influenza “pandemica”, mentre la seconda ci informa dell’opportunità di vaccinare i bambini di meno di 9 anni di età.

Prosegui la lettura…

Cellulare in gravidanza?

24 Giugno 2010 1 commento

cellulare La gravidanza è ormai diventata una “malattia” con un numero enorme, spesso ingiustificato, di esami e controlli clinici ma le mamme in attesa non rinunciano all’uso, spesso ricreativo e socializzante, del telefono cellulare. Due studi abbastanza recenti ci informano sull”influenza dell’uso del telefonino da parte della gestante sul prodotto del concepimento.

Il primo, più recente, rilanciato dalla CBS, dovrebbe tranquillizzare tutti coloro che vivono in prossimità di un’antenna per telefonia cellulare. Un gruppo britannico ha valutato il rischio di tumore infantile tra coloro che hanno vissuto la gestazione in prossimità di un’antenna e coloro che l’hanno vissuta molto lontano. Non sono state evidenziate differenze sul numero di tumori infantili tra i due gruppi, neppure considerenado la distanza tra l’abitazione e l’antenna (indice indiretto del livello di emisssione elettromagnetica).

Prosegui la lettura…

Sovrappeso in gravidanza: cardiopatie

tavola imbandita E’ opinione, abitudine, frequente che la gestante possa/debba mangiare quanto vuole, talvolta anche “per 2″ ma l’incremento di peso eccessivo non è salutare per il nascituro. Uno studio riportato sulla versione online di Circulation enfatizza l’aumentato rischio di cardiopatie nei figli le cui madri avevano presentato un incremento ponderale eccessivo durante la gravidanza.

Prosegui la lettura…

Mestruazioni anticipate con tanta carne!

19 Giugno 2010 1 commento

tavola imbandita L’età del menarca (prime mestruazioni) può essere influenzata dall’assunzione di quantità diverse di carne. L’assunzione di elevate quantità di proteine e carne da parte delle bambine anticiperebbe l’età del menarca, secondo una ricerca effettuata da ricercatori dell’Università di Brighton. La ricerca è stata effettuata su 3298 bambine studiate longitudinalmente (nel tempo): è stato effettuato un controllo della dieta a 3, 7 e 10 anni e le bambine sono state classificate in base all’età del menarca (anticipato rispetto alla mediana per l’età del gruppo in studio, pari a 12 anni e 8 mesi, oppure nella norma).

Prosegui la lettura…

Anafilassi alimentare: handicap grave!

17 Giugno 2010 3 commenti

giudice Interessante sentenza del Tribunale monocratico di Cagliari, in funzione del Giudice del Lavoro (n° 1325/2010), che stabilisce che la ricorrente affetta da anafilassi alimentare e asma lieve/moderato persistente è affetta da handicap grave ai sensi dell’art. 3 comma 3° della legge 104/1992 (“Qualora la minorazione, singola o plurima, abbia ridotto l’autonomia personale, correlata all’età, in modo da rendere necessario un intervento assistenziale permanente, continuativo e globale nella sfera individuale o in quella di relazione, la situazione assume connotazione di gravità. Le situazioni riconosciute di gravità determinano priorità nei programmi e negli interventi dei servizi pubblici”).

Prosegui la lettura…

Antiepilettici: rischio malformazioni

prof libro L’assunzione di farmaci antiepilettici (acido valproico) durante la gravidanza può favorire le malformazioni. L’impiego di acido valproico, terapia di fondo (per la prevenzione delle crisi) di alcuni tipi di epilessia, nella gestante durante il primo trimestre espone il prodotto del concepimento ad un maggiore rischio di malformazioni. Lo studio, questa volta, è svolto da ricercatori dei Paesi Bassi, retrospettivo (studia la storia precedentente dei casi) e riguarda circa 98.000 gravidanze. La più frequente malformazione correlata con l’assunzione dell’anticonvulsivante è la Spina Bifida (12.7 volte più frequente)

Prosegui la lettura…

Madri vaccinate: bambini poco protetti

lattante felice La madre trasmette al bambino durante la gestazione anticorpi che limitano la possibilità che il bambino contragga alcune malattie nel corso dei primi mesi di vita. La protezione offerta, però, differisce a seconda di come è stata ottenuta l’immunizzazione della madre. Una persona può produrre anticorpi sia che sia stata vaccinata sia che abbia contratto la malattia in passato: questa seconda modalità sembra sia più vantaggiosa per i neonati. Uno studio pubblicato recentemente sul British Medical Journal ha analizzato lo stato di protezione passivo contro il morbillo acquisito dalla madre, durante la gravidanza, di 207 neonati.

Prosegui la lettura…

Madri omosessuali: figli psicologicamente OK

13 Giugno 2010 1 commento

child hiding Il primo studio prospettico che ha analizzato la condizione dei figli di genitori omosessuali è, come al solito, pubblicato su Pediatrics da ricercatori californiani. I figli di madri omosessuali stanno psicologicamente bene, seppure non meglio, di quelli di madri eterosessuali: questi ragazzi presenterebbero migliori competenze sociali, studentesche, personali con minori problemi rispetto ai coetanei, tipici ragazzi americani.

La chiave di questo successo sarebbe, probabilmente, il coinvolgimento dei genitori. Queste famiglie sarebbero, infatti, ben programmate ed i figli fortemente desiderati, a differenza di altre. Il forte coinvolgimento emotivo e la stabilità delle coppie sarebbero garanzia di un messaggio positivo nei confronti della vita che questi ragazzi mostrano nella vita di tutti i giorni.

Naturalmente questi sono dati preliminari e bisogna svolgere ulteriori ricerche in altre realtà culturali sia negli Stati Uniti che al di fuori prima di giungere a conclusioni definitive.

Fonti:
Pediatrics 2010; DOI: 10.1542/peds.2009-3153
Pediatrics 2010; DOI: 10.1542/peds.2010-1225

Conflitti di interessi degli autori:
Lo studio è stato finanziato da “Gill Foundation”, ”Lesbian Health Fund of the Gay Lesbian Medical Association”, ”Roy Scrivner Fund of the American Psychological Association”.

Vaccino antirotavirus

batterio verde 01 Il vaccino antirotavirus (per la diarrea causata da questo, e solo questo, agente infettivo) torna a far parlare di se. Dopo che l’FDA ha riammesso il suo utilizzo perchè il virus suino contaminante (un circovirus) era stato ritenuto innocuo per l’uomo (vedi post del 28/05/10) l’agenzia regolatoria del farmaco francese (AFSSAPS) ha invece raccomandato di non utilizzare, prudenzialmente, i due vaccini antirotavirus (Rotarix® e Rotateq®) almeno fino a luglio di quest’anno.
L’agenzia regolatoria del farmaco europea (EMEA) non ha ancora provveduto ad emanare sue direttive specifiche mentre, in Italia, l’AIFA ne aveva sospeso l’impiego il 02/04/10.
Le conclusioni dell’EMEA relative al vaccino antirotavirus sono attese proprio per il mese di luglio e sarebbe auspicabile una discreta attenzione considerata la gestione della situazione vaccinale contro l’H1N1.
Tra l’altro in Europa, e tutte le zone sviluppate del mondo, la mortalità per enterite da rotavirus è praticamente inesistente e non converrebbe proprio rischiare una malattia da circovirus suino…
A proposito: anche l’influenza pandemica era “suina”.

Fonti:
Adnkronos 11/06/10
http://insidevaccines.com/wordpress/2008/02/04/rotavirus-death-by-diarrhea/
JAMA. 1998; 279: 1371-1376
Cochrane Database of Systematic Reviews, 2010; Issue 5. Art. No.: CD008521 DOI: 10.1002/14651858.CD008521

Terapia dell’asma: attenzione!

studioso Nuovo avvertimento della FDA (l’ente regolatore del farmaco degli Stati Uniti) riguardo la terapia antiasmatica e specificatamente l’uso dei farmaci broncodilatatori a lunga durata d’azione (in Italia le preparazioni singole o in associazione contenenti Salmeterolo e Formoterolo). In particolare l’FDA ricorda che i farmaci broncodilatatori long-acting (a lunga durata d’azione, LABA) non devono essere utilizzati nella terapia di fondo dell’asma (farmaci da assumere quotidianamente) isolatamente ma solo in associazione con un cortisonico inalatorio.

Prosegui la lettura…

Guardia medica pediatrica

lattante spaventato Guardia medica pediatrica: a Milano sta partendo un esperimento di Guardia Medica dedicata ai bambini. L’iniziativa è rivolta specificatamente ai bambini di meno di 6 anni di età, quelli più impegnativi. Per il momento l’assistenza pediatrica (dai consigli telefonici fino all’intervento dello Specialista a domicilio) avrà un orario limitato: dalle 20 alle 24 nei giorni feriali, e dalle 8 alle 12 e dalle 15 alle 19 nei giorni di sabato, domenica e festivi. I recapiti telefonici sono quelli della Guardia Medica (02 34567) e lo Specialista Pediatra valuterà l’opportunità di fornire consigli telefonici oppure di intervenire a domicilio.

Fonte:
http://www.ilgiornale.it/milano/bambini_piu_assistiti_parte_oggi_guardia_medica_pediatrica/07-06-2010/articolo-id=451210-page=0-comments=1

Prematuri: intelligenza cresce con il peso

bambino dorme L’intellingenza, misurata con il QI, il quoziente intellettivo, del bambino nato prima del termine cresce con l’aumentare del peso. Un lavoro recentemente pubblicato su Pediatrics, nota rivista “voce” dell’American Academy of Pediatrics, riporta i risultati di una ricerca condotta su 911 bambini nati prima della 37a settimana di gestazione e di peso alla nascita inferiore ai 2500 grammi.

Prosegui la lettura…

ICE: in case of emergency

bambino poliziotto Con l’approssimarsi della bella stagione ripropongo una infomazione di 2 anni fa che riguarda la memorizzazione nel nostro telefonino di numeri telefonici particolarmente importanti.

Ognuno di noi, spesso anche i bambini, ha almeno un telefono cellulare con centinaia di nomi in agenda.

In caso di incidente, o altra situazione di emergenza, con perdita di coscienza della persona, i soccorritori non sanno che numero chiamare per contattare un parente e questo vale anche per i ragazzi con il motorino.

Un accordo internazionale ha stabilito che sarebbe preferibile avere nell’agenda del telefonino dei numeri importanti di persone da contattare in caso di necessità (ICE: In Case of Emergency), raggruppandoli sotto il nome ICE (ICE 1, ICE 2, ICE 3, ecc.) in modo da velocizzare e razionalizzare le chiamate. I soccorritori, infatti, sono addestrati a ricercare prioritariamente i numeri ICE in qualsiasi telefonino in qualsiasi Stato, utilizzandoli seguendo l’ordine con cui sono stati salvati.

Eccesso di vaccini?

5 Giugno 2010 1 commento

vaccino 01 Molti genitori hanno la sensazione che nel corso del primo anno di vita del bambino vengano praticate troppe vaccinazioni. E’ una sensazione diffusa quanto quella che i vaccini possano influenzare lo sviluppo intellettivo del bambino. E’ bene ricordare subito che l’ipotesi che il vaccino del morbillo possa causare l’Autismo è morta con la definitiva espulsione di Andrew Wakenfield dalla Società Medica Britannica.

Prosegui la lettura…

Lavori scientifici credibili?

3 Giugno 2010 1 commento

sapiente I lavori scientifici vanno letti molto attentamente e bisogna valutare accuratamente la coerenza del titolo con il riassunto e con il testo completo dell’articolo. In un articolo pubblicato recentemente su JAMA, organo ufficiale dell’American Medical Association, viene analizzato un insieme di 616 studi randomizzati e controllati valutando la coerenza del titolo con i risultati ottenuti e le conclusioni riportate.

Prosegui la lettura…

Nuoto: si anche ai piccoli!

safe child L’Accademia Americana di Pediatria (AAP) ha rivisto le sue indicazioni di prudenza per la prevenzione dell’annegamento del bambino. Basandosi su diverse evidenze molto recenti l’AAP ha ridotto la sua contrarietà al nuoto per i bambini di meno di 4 anni ma, in puro stile AAP, non lo raccomanda. La frase esatta è: ” The evidence no longer supports an advisory against early aquatic experience and swimming lessons for children of any specific age. However, the current evidence is insufficient to support a recommendation that all 1- to 4-year-old children receive swimming lessons.”

Prosegui la lettura…