Fumo in gravidanza?

gestante fumo Stiamo attenti perché, oltre a tutti gli altri problemi, può favorire lo sviluppo di comportamenti antisociali nei figli. Il fumo in gravidanza favorirebbe, però, non tutti i tipi di comportamenti anomali ma solo alcuni, sia durante l’adolescenza che l’età adulta.  L’articolo è pubblicato nel Journal of  Epidemiology & Community Health e riporta i risultati di un’indagine di popolazione.

Prosegui la lettura…

Voglio vaccinare ma…

vaccinazione bambina non è proprio possibile.
Con il decreto legge n° 73 e la successiva legge attualmente in corso di approvazione si è venuto a creare un obbligo di vaccinare per alcune malattie bambini mai vaccinati in precedenza. Si tratta, per tutti, dei vaccini contro poliomielite, difterite, tetano, epatite B, Haemophilus influenzae B, pertosse, oltre a morbillo, rosolia, parotite e varicella.

Prosegui la lettura…

Autodivezzamento? Lattanti meno schizzinosi!

divezzo Autodivezzamento vuol dire, in parte mangiare ciò che voglio ed in parte mangiare come voglio. Il bambino che arriva ad un’età in cui si può mangiare qualcosa di diverso dal latte – non prima, quindi, di 120 giorni di vita – può mangiare, rapidamente, ciò che vuole, non essendoci, ormai, preclusioni di carattere allergologico e, soprattutto, come vuole.

Prosegui la lettura…

Allergia al latte? Attenti ai farmaci in terapia!

poison Il PRAC (Pharmacovigilance Risk Assessment Committee) dell’EMA (Agenzia Europea del Farmaco) ha rilasciato un avviso relativo alla possibile pericolosità del lattosio presente in alcuni farmaci iniettabili per la terapia delle manifestazioni allergiche gravi. Si tratta delle fiale di metilprednisolone, un cortisonico potente, che possono contenere lattosio di derivazione bovina.
Il lattosio è uno zucchero e viene utilizzato nei farmaci come eccipiente. La fonte più diffusa ed economica di lattosio è il latte dal quale viene estratto tramite processi chimici.

Prosegui la lettura…

Allergia alla penicillina?

poison Probabilmente no anche se il papà o la mamma sono davvero convinti che il figlio abbia presentato una reazione avversa. Spesso i bambini ammalati, con la febbre, assumono un prodotto antibiotico il cui principio attivo è una penicillina.
Si verifica relativamente spesso anche che al bambino con la malattia febbrile acuta in atto oppure appena guarito compaiano delle chiazze sulla pelle, spesso di tipo urticarioide, che vengono interpretate come allergia alla penicillina.
Il farmaco contiene penicillina, è vero, ma contiene anche altre sostanze, coloranti, stabilizzanti, che possono rendersi responsabili di reazioni oppure, ed è la maggior parte dei casi, la manifestazione è da attribuirsi all’infezione in atto oppure pregressa.

Prosegui la lettura…

Verdure per la vista

verdura Per vedere bene ed avere migliori performances intellettuali è importante consumare abbondantemente frutta e verdura. La misurazione della densità della macula dell’occhio, indice di una maggiore quantità di pigmento, correla con la quantità di luteina cerebrale, una sostanza che si accumula durante i primi anni.

Prosegui la lettura…

Decreto vaccini: gli emendamenti proposti

27 Giugno 2017 1 commento

vaccino 02 E’ iniziato l’iter parlamentare per la conversione in legge del D.L. 07 giugno 2017 n° 73, recante disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale. Sono stati presentati 285 emendamenti finalizzati a modificare o abolire alcune parti del testo, modificare l’elenco delle vaccinazioni proposte, l’età in cui praticarle, le sanzioni.

Prosegui la lettura…

Una mamma scrive

vaccino 02 Un bambino figlio di genitori no-vax è morto a causa delle complicanze del morbillo. Non conosciamo i dettagli ma aveva 6 anni ed era affetto da una Leucemia Linfoblastica Acuta, un tumore tipico del bambino con un’alta percentuale di guarigione. I fratelli hanno contratto anche loro il morbillo ma sembra che l’origine dell’infezione non siano stati loro. Non ha importanza perché i giornali scrivono su ciò che hanno a disposizione e molte cose non si possono dire perché il segreto professionale, sacro, del medico non lo consente.

Prosegui la lettura…

Il papà si prende cura dei figli e…

ragazzo obeso loro hanno un minore rischio di diventare obesi.
Un articolo pubblicato su Obesity evidenzia come i bambini che vengono accuditi dal padre hanno un minore rischio di sviluppare obesità all’età di 2-4 anni. Prendersi cura dei figli vuole dire aiutarli a lavarsi i denti, vestirsi oppure prepararsi per la nanna.

Prosegui la lettura…

Vaccino esavalente o tetravalente?

vaccino 02 In seguito al D.L. n° 73 del 07 giugno 2017 ci sono state prese di posizione, anche piuttosto forti, da parte sia di associazioni private che di organismi pubblici piuttosto importanti. Molti esperti ed uomini politici hanno rilasciato interviste sull’argomento esprimendo il loro parere. E’ giusto che si parli e si discuta, anche in maniera accesa, dell’argomento.

Prosegui la lettura…

Il latte vaccino migliora la crescita

bambina latte Il consumo di latte diverso da quello vaccino non favorisce la crescita in statura. Secondo quanto rilevato in una ricerca pubblicata sull’American Journal of Clinical Nutrition i bambini che consumano latte vaccino presenterebbero una crescita staturale più elevata rispetto a coloro che assumono latte di altro tipo.

Prosegui la lettura…

Decreto vaccini: primi chiarimenti

vaccino 02 E’ stata pubblicata la prima circolare per chiarire le modalità di attuazione del decreto-legge 7 giugno 2017, n° 73. La circolare, dopo avere approfondito il razionale, le motivazioni, dell’intervento normativo “urgente” (ricordiamo che è un decreto legge, un atto normativo provvisorio avente forza di legge adottato in casi straordinari di necessità e urgenza), chiarisce quali vaccinazioni sono obbligatorie tra zero e sedici anni.

Prosegui la lettura…

Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale

9 Giugno 2017 2 commenti

vaccino 02 E’ stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana n° 130 del 07 giugno 2017 il Decreto Legge 07 giugno 2017, n° 73, “Disposizioni urgenti in materia di prevenzione vaccinale”, che stabilisce l’obbligatorietà di un gran numero di vaccinazioni lasciate in passato all’iniziativa personale.

Prosegui la lettura…

Room sharing per la prevenzione della SIDS?

sonno 01 Nella prevenzione della SIDS è stata, anche recentemente segnalata l’utilità della condivisione della camera da letto fino all’età di 1 anno.
Come noto, viene definita SUID (sudden unexpected infant death) oppure SUDI (sudden unexpected death in infancy) la morte improvvisa di un lattante; la SIDS (sudden infant death syndrome) è la morte improvvisa di un lattante che rimane inspiegabile dopo l’esecuzione di un’attenta analisi di tutti i fattori che potrebbero averne determinato il decesso (soffocamento, aritmie cardiache, malattie metaboliche, altre cause) compreso l’analisi dell’ambiente di vita.

Prosegui la lettura…

Sorveglianza delle reazioni da vaccino

5 Giugno 2017 2 commenti

poison La denuncia da parte del medico, o del cittadino, delle reazioni successive all’assunzione o somministrazione di un farmaco, compresi i vaccini, è un punto di forza di ogni sistema sanitario moderno. Si chiama sorveglianza post marketing (farmacovigilanza) e serve per evidenziare la reale incidenza di reazioni più o meno gravi ad un determinato farmaco dopo la sua entrata in commercio. Gli studi prima della registrazione del farmaco vengono effettuati, infatti, su numeri limitati di pazienti volontari mentre con l’aumento degli utilizzatori possono essere evidenziate reazioni più rare.

Prosegui la lettura…

Screening per la scoliosi?

sapiente La scoliosi è una malattia della vertebra che determina la crescita asimmetrica di una vertebra con rotazione e curve di compenso della colonna e deformazione della gabbia toracica.  L’intervento terapeutico varia a seconda dell’entità da una ginnastica posturale per rendere simmetrico il tono muscolare (soprattutto nell’atteggiamento scoliotico e nelle scoliosi di pochi gradi) fino all’intervento chirurgico nelle scoliosi di alto grado.

Prosegui la lettura…

Succo di frutta ai bambini piccoli?

bevande Meglio non proporlo proprio al di sotto dell’anno di età e limitarlo a non più di 120 millilitri (4 once) al giorno nell’età tra 1 e 3 anni; tra 4 e 6 anni la quantità massima accettabile sarebbe di 180 ml (6 once) mentre per i più grandi, fino all’età adulta, sarebbero ammissibili 240 millilitri (8 once).

Prosegui la lettura…